Web Marketing e Web Strategy, sono veramente così importanti?

Home / Web Advertising
Web Marketing e Web Strategy, sono veramente così importanti?

Web Marketing e Web Strategy, sono veramente così importanti?

About the Author


Commerciale - Preparato conoscitore di problematiche commerciali, ha percorso tutti i gradini della crescita professionale. Da 20 anni vive sul campo ed investe in formazione personale, ha diretta esperienze di società in crescita con una visione del Web fortemente operativa.

Comments

    Giancarlo Dell'Aquila - 8 febbraio 2013

    Condivido appieno quanto scritto: nella mia esperienza è molto difficile far percepire alle piccole e piccolissime aziende che cambiare è una necessità per non morire, e che una delle strade è l'accesso al WEB, assieme ad altre possibilità.
    Questo lavoro, che consiste di fatto nel far prendere coscienza del cambiamento che viviamo, è spesso reso complesso dalla stessa mentalità dell'imprenditore, che giustamente fiero di quello cha ha fatto resta anche inconsciamente legato alle cose che sa fare, senza considerare che è inutile attendersi risultati diversi continuando a fare le stesse cose".

      Giancarlo Dell'Aquila - 8 febbraio 2013

      E' vero Flavio. Cambiare e uscire dalla "zona di comfort" è difficile per tutti, ma non più procrastinabile.

    Giancarlo Dell'Aquila - 8 febbraio 2013

    Condivido il tuo articolo e in merito riporto le parole di A.Einstein..."Non possiamo pretendere che le cose cambino,se continuiamo a fare le stesse cose.La crisi e la piu grande benedizione per le persone e le nazioni,perche la crisi porta progressi.La creativita nasce dall angoscia come il giorno nasce dalla notte oscura.E nella crisi che sorgono l inventiva,le scoperte e le grandi strategie.Chi supera la crisi supera se stesso senza essere "superato".Chi attribuisce alla crisi i suoi fallimenti e difficolta violenta il suo stesso talento e da` piu valore ai problemi che alle soluzioni.La vera crisi e la crisi dell incompetenza.L inconveniente delle persone e delle nazioni e la pigrizia nel cercare soluzioni e vie d uscita.Senza crisi nn ci sono sfide,senza sfide la vita e una routine,una lenta agonia.Senza crisi non c e merito.E nella crisi che emerge il meglio di ognuno di noi,perke senza crisi tutti i venti sono solo lievi brezze.Parlare di crisi significa incrementarla,e tacere nella crisi e esaltare il conformismo.Invece,lavoriamo duro.Finiamola una volta per tutte con l unica crisi pericolosa,che e la tragedia di non voler lottare per superarla."

      Giancarlo Dell'Aquila - 8 febbraio 2013

      Ottima citazione Laura... direi particolarmente appropriata!!!

    Giancarlo Dell'Aquila - 8 febbraio 2013

    Caro Giancarlo, sfondi una porta aperta! dopo aver lavorato per 30 nell'editoria specializzata cartacea ( gruppo 24 ore), proprio perché credo che il web sia il principale strumento di comunicazione, due mesi fa ho deciso di fondare WOW-webmagazine ( va aggiunto che ho 60 anni e una conoscenza del web mooolto scarsa).
    http://wow-webmagazine.com/
    Ho cercato di usare il web per creare una modalità di comunicazione innovativa. WOW! non è un blog, non è un portale, non è un flip, non è una newsletter; è un magazine mensile con una precisa struttura e un piano editoriale. Ho tentato questa avventura con un piccolo gruppo di aziende partner che mi hanno dato fiducia. Spero di trovarne altre perchè in questo momento devo fare tutto da sola ( con il solo aiuto di un giovane dinamico web designer), ma vedo che le aziende sono piuttosto confuse e impreparate sul marketing web...

      Giancarlo Dell'Aquila - 8 febbraio 2013

      Cara Renata, innanzitutto complimenti! Rimettersi in gioco è sempre difficile, ma quando poi si ha tanta esperienza, lo è ancora di più. La tua competenza insieme a qualcuno che sappia portare i contenuti del Web Marketing, contribuiranno senz'altro a far crescere la sensibilità verso l'argomento. Il mio più sincero "in bocca al lupo"!

    Giancarlo Dell'Aquila - 8 febbraio 2013

    Riscontro che l'interesse c'è. Sono però convinta che è necessario fare operazione di education sugli strumenti del WB e del mondo dei Social. Se abbatti le comprensibili diffidenze e l'ignoranza in questi campi, poi si aprono chiaramente nuove prospettive. Questo è l'approccio che sto utlizzando.

      Giancarlo Dell'Aquila - 8 febbraio 2013

      Giusto. La formazione è indispensabile. Non basta fare, bisogna fare bene. Il Social poi è un mondo a parte; il nostro dovere è dare lo strumento giusto al cliente giusto.

    Giancarlo Dell'Aquila - 8 febbraio 2013

    Volendo continuare con le citazioni.. "Chi smette di fare pubblicità per risparmiare soldi è come se fermasse l'orologio per risparmiare il tempo". Henry Ford.
    Tuttavia l'ignoto spaventa, specialmente in momenti difficili come questo, e il web haimè in Italia è ancora per molti ignoto.
    Credo che solo con un marketing forte alle spalle e un'azienda coerente con il suo brand in tutti i suoi touch points si possa passare ad un Web Marketing senza temere effetti viral anche molto negativi.
    Condivido tuttavia che oggi la selezione è più dura e il Cambiamento sia necessario!

      Giancarlo Dell'Aquila - 8 febbraio 2013

      Vero Laura. Ford era un visionario ed un precursore. Non credo sia un caso se è al 45° posto tra i top brand del mondo (classifica Interbrand 2012) e se quel marchio sembra sia ancora "abbastanza" noto. O sbaglio?

    Giancarlo Dell'Aquila - 9 febbraio 2013

    Ciao Giancarlo, anch'io condivido il tuo articolo, ma come afferma Flavio Flamini,è molto difficile far capire alle PMI,microimprese in particolare,l'importanza di certi strumenti per realizzare il cambiamento indispensabile per continuare e progredire. Diversi piccoli imprenditori,non sanno neppure accendere un computers.
    Credo che sia molto importante una pressante opera di convincimento e soprattutto di informazione e formazione dei consulenti ai quali gli imprenditori ripongono fiducia.

      Giancarlo Dell'Aquila - 9 febbraio 2013

      E' vero Elmo. Non è facile anzi, sembra una missione impossibile ma dobbiamo provarci! Anche perché non saper utilizzare uno strumento non significa essere autorizzati a non capirne l'utilità. Mio padre comprò il primo computer Olivetti e poco dopo il primo fax negli anni '80, ma non ha mai voluto imparare ad utilizzarli (li usava mia madre, poi noi figli). Questo cosa significa? Che è un DOVERE dell'imprenditore capire ed informarsi sulle opportunità che offrono nuovi servizi/beni/strumenti e valutare se questi sono indispensabili al progresso della propria azienda. Poi non è obbligato ad utilizzarli direttamente, se può esserci chi può farlo per lui. Comunque è proprio vero, è un problema che hanno molte aziende 1.0 che oggi rischiano di non reggere il passo.

      Giancarlo Dell'Aquila - 9 febbraio 2013

      Sottoscrivo il tuo pensiero Elmo: formazione e condivisione continua!!
      Il beneficio che si ottiene è per entrambe le parti.
      Questa visione comunque dovrebbe essere condivisa e incentivata soprattutto dalle aziende che fanno consulenza e strategia di Web Marketing, non trovi?

    Giancarlo Dell'Aquila - 23 febbraio 2013

    Cambiare può essere facile, ma decidere di farlo a volte diventa impossibile, chi professionalmente si trova nel ruolo di propositore del cambiamento, deve innanzitutto riuscire a comprendere la filosofia del singolo soggetto imprenditore, il contesto nel quale opera con la propria azienda e la struttura familiare nella quale vive;
    compito estremamente difficile e delicato, ma indispensabile per il raggiungimento dell'obbiettivo.

      Giancarlo Dell'Aquila - 25 febbraio 2013

      E' vero Franco, questa è l'altra faccia della medaglia. La comunicazione non è improvvisazione. Anche l'agenzia deve dimostrare di saper cogliere, capire e comunicare la vera essenza del cliente. Perché si possa parlare di "progetto di comunicazione", si deve innescare non tanto un rapporto contrattuale, ma una vera e propria partnership basata sulla fiducia. Se definiti gli obiettivi ed i compiti in modo chiaro e se viene fatta un' azione di monitoraggio costante, il progetto molto spesso viene modulato fino al raggiungimento degli obiettivi. Solo allora si può parlare di successo.