Il mobile marketing e le APP, nuove opportunità per le aziende

Home / APP
Il mobile marketing e le APP, nuove opportunità per le aziende

Il mobile marketing e le APP, nuove opportunità per le aziende

About the Author


Commerciale - Preparato conoscitore di problematiche commerciali, ha percorso tutti i gradini della crescita professionale. Da 20 anni vive sul campo ed investe in formazione personale, ha diretta esperienze di società in crescita con una visione del Web fortemente operativa.

Comments

    Giancarlo Dell'Aquila - 16 marzo 2013

    Lo sviluppo della tecnologia apre nuovi orizzonti di comunicazione ma anche di business. Speriamo sia l'occasione di un rilancio economico per questo nuovo mondo e modo di comunicare, per noi, per i nostri figli.

      Giancarlo Dell'Aquila - 16 marzo 2013

      Ciao Valerio. Come sempre succede quando si ha a che fare con il progresso, c'è sempre chi è attento ai cambiamenti e ne diventa uno dei primi interpreti. Spero anche io che siano in tanti a recepire i segnali, ma un po' sta anche a noi fare da amplificatore per trasmetterli. Per quanto riguarda i nostri figli, sono certo che soprattutto sotto il profilo tecnologico, se sapremo ascoltarli, sapranno aiutarci a capire i cambiamenti molto meglio di tanti altri. Buon lavoro.

    Giancarlo Dell'Aquila - 18 marzo 2013

    ciao giancarlo. ti ricordi la storiella del laghetto di montagna che in 40 gg si sarebbe riempito di fior di loto e pertanto sarebbe rimasto senza vita? La domanda era: in quanti giorni il laghetto si sarebbe riempito per metà della sua capienza visto che il fior di loto si raddoppia ad ogni giorno che passa?
    Questo esercizio veniva proposto circa 15 anni fa quando consulenti di marketing spiegavano ai loro piccoli artigiani clienti che avevano commesso un errore non investire in tecnologia basica (pc, preventivi on line, distinte basi ecc.). Questi artigiani (esperienza mia diretta) hanno poi speso l'inverosimile per potersi adeguare rispetto a chi lo aveva già fatto. Ora è la stessa cosa! l'unica differenza è che non passeranno 15 anni ma forse 15 mesi per accorgersi che siamo in ritardo con questi clienti. Pertanto sta a noi rompere le scatole (come sempre) ai piccoli artigiani supplicandoli per il loro bene di investire ancora. L'esempio sopra dovrà essere uno stimolo. L'ostacolo più grande poi è far capire che se non si mettono assieme e creano un specifico brand muoiono. è inevitabile
    ciao e alla prossima

      Giancarlo Dell'Aquila - 19 marzo 2013

      Sì Andrea ricordo.
      E' sempre stato difficile fare comprendere le innovazioni, ed in questo momento, per via della crisi, lo è ancora di più.
      Quando poi l'innovazione riguarda il modo di comunicare, è ancora più difficile.
      L'Italia è un paese dove è facile trovare delle eccellenze. Ci sono moltissimi imprenditori ed artigiani che fanno benissimo il proprio mestiere, ma spesso non lo sanno comunicare.
      Oggi invece è fondamentale saper veicolare le informazioni, saper trasmettere al mercato che cosa siamo in grado di fare, perché altrimenti non si può entrare in contatto, con tutti quelli che stanno cercando il tuo bene o servizio.
      Oggi chi cerca informazioni parte dal WEB ed ormai lo fa mentre è in movimento; così sapersi presentare anche sui devices mobili diventa fondamentale.
      Le strategie poi, devono essere individuate di volta in volta in funzione degli obiettivi del cliente, che noi dobbiamo essere in grado di chiarire e centrare al minor costo possibile.